Dantedì' alla Scuola Primaria Ca'Tiepolo

In previsione del DANTEDI’ (25 marzo), le insegnanti della classe 5° del Plesso di Ca’ Tiepolo, propongono una UDA interdisciplinare, partendo dalla lettura di un libro per ragazzi intitolato “Sotto la stella di Dante”. Una storia coinvolgente e appassionante per capire la bellezza e l’attualità dell’opera del Sommo Poeta, a 700 anni dalla sua morte. La letteratura classica italiana, è parte integrante della nostra cultura ed è importante trasmettere questo valore negli alunni fin dalla scuola primaria.

Oggi leggere Dante può insegnarci quanto sia vitale disporre di un linguaggio capace di parlare con intensità e chiarezza sia delle cose più importanti sia di quelle più superficiali, senza fare distinzioni. Nel suo tormentato e meraviglioso Medioevo - dove il Dante poeta era anche l’uomo politico, il soldato combattente, l’innamorato, il padre di famiglia, il reietto esiliato e il credente impaurito - possiamo riconoscere una lezione straordinaria di uguaglianza e libertà.

Con la Divina Commedia, egli, ci fa dono di splendide parole, che spesso ripetiamo senza neanche rendercene conto: come le espressioni “senza infamia e senza lode” o “Non ti curar di lor ma guarda e passa” del III canto dell’Inferno. Per questo è così importante studiarlo fin da piccoli a scuola, non solo per assaporare l’arte della poesia, ma anche per trarne grandi insegnamenti di vita.

dante_sotto_le_stelle

Trama del libro:

Cambiamenti enormi, come nuvoloni in tempesta, minacciano la vita di Teresa. Gli adulti non la comprendono e a scuola è bersagliata dalle malelingue. Un amico inaspettato giunge a consolarla e guidarla: nientemeno che Dante Alighieri, padre della letteratura italiana! Il poeta si fa sempre più vicino a lei grazie ai racconti appassionati e alle letture serali dello zio Samuel. Basterà per guidarla fuori dalla tempesta?

“Dante è davvero magico, è un amico che ci sarà sempre…”

Allegati
progetto-dante.docx